Cammino di Sant Agostino / Cammino della Rosa  

 

                                   Cammino di S.Agostino = C. della Rosa = Rose Path

 

  http://camminodiagostino.iobloggo.com/46/

  http://camminodiagostino.iobloggo.com/10/il-gambo-della-rosa-genovese

 

  E' segnalata dai frati Agostiniani di Pavia un’ulteriore notevole opportunità di pellegrinaggio a piedi nell'ambito del Cammino di Sant’Agostino: si tratta della percorrenza - in cresta agli Appennini -  dell’antichissima Via del Sale, da Genova sino a Pavia. Questo a ricordare l’avvenuta traslazione del corpo di Sant’Agostino da Genova sino alla basilica di di San Pietro in Ciel d’Oro, a Pavia, avvenuta nel VIII secolo a merito del re longobardo Liutprando, che riscattò la venerata salma da pirati saraceni che l’avevano precedentemente trafugata, durante un’incursione nella città africana di Ippona.

 

  Avvenne infatti che re Liutprando, avendo ricevuto dai pirati una richiesta di riscatto e pagato quanto richiesto per la reliquia, nel 730 fece trasportare via nave dalla Sardegna a Genova l’urna con i santi resti di Agostino e successivamente, con una degna processione devozionale lungo la citata Via del Sale la traslò in direzione nord sino alla città di Pavia, ove era la sede del regno longobardo.

 

  La Via del Sale è posta su un tracciato la cui storia si perde nei secoli: essa permetteva il trasporto del sale marino e di merci lungo la rotta di comunicazione appenninica Genova-Pavia. Attraverso questa via transitavano merci provenienti da settentrione (soprattutto lana e armi), per raggiungere il porto di Genova; in direzione inversa veniva invece portato il prezioso sale, materiale evidentemente irreperibile in pianura padana e nei territori lontani dal mare, sostanza indispensabile per l’alimentazione, la concia del cuoio e la conservazione dei cibi.

 

  Sono proposte due varianti per chi desidera percorrere il percorso pellegrino da Genova a Pavia: la principale è la cosiddetta "Via Antica", identificata dal Padre Agostiniano Giovanni Lenzi, che interpreta fedelmente il reale percorso dell'urna agostiniana da Genova a Pavia, risalendo da sud a nord per Savignone, Arquata Scrivia, San Sebastiano Curone, Casei Gerola (indicata in verde chiaro, nella mappa sopra). La seconda è invece una proposta più "escursionistica" che conduce il pellegrino da Genova a Pavia in costa agli appennini transitando per Torriglia, Case di Cosola, Varzi, Casteggio (in verde scuro).

 

  La proposta più ovvia che ci sentiamo di fare, a chi avesse buone gambe e tanta voglia di pellegrinare, è quella di percorrere la Via Antica da Genova a Pavia e il percorso inverso alternativo lungo la traccia "escursionistica", godendo il piacere di vedere il mare dalla cresta degli Appennini, in lento avvicinamento da Pavia a Genova.

 

  Questo doppio percorso da Genova a Pavia rappresenta una stupenda opportunità per transitare lungo l’appennino genovese, piemontese e lombardo in direzione sud-nord (o viceversa) ammirando scorci panoramici ed ecosistemi di suggestivo fascino. con momenti di solitudine e panoramici di profonda intensità emotiva.

 

  A fronte di questa importante segnalazione storico-turistico-religiosa da parte degli Agostiniani pavesi, non potevamo esimerci dal valorizzare degnamente anche questo itinerario: una proposta utile soprattutto ai liguri che volesserero effettuare la pratica del Cammino di Agostino da Genova a Pavia, per poi magari proseguire (perché no?) anche verso Milano e i Santuari della Brianza.

 

  E’ peraltro ovvio che i pellegrini che giungeranno invece a Pavia, provenienti da Milano e Brianza, potranno se lo desiderano percorrere il medesimo percorso dell’antica Via del Sale in direzione inversa, da Pavia a Genova (idealmente verso quell’Africa tunisina che diventò sede vescovile Sant’Agostino), usufruendo di cinque ulteriori giornate di Cammino che senz’altro, dal punto di vista paesaggistico e ambientale, si presentano tra le più meritevoli e suggestive.

 

  L’aver unito in un unico percorso di pellegrinaggio le città di Genova, Milano e tutta la  Brianza, utilizzando il meno possibile strade statali è davvero una grande e nuova opportunità di turismo sostenibile, sotto il patrocino autorevole e benevolo del “Santo della Grazia”. La distanza complessiva del Cammino di Sant’Agostino diventa di 563 km (352 km circolari in Brianza - da Monza a Monza - 63 km da Monza a Pavia, 150 km da Pavia a Genova), con una durata aggiuntiva per l’intero tratto da Monza a Genova di sole sette giornate di cammino, o tre in mountain bike.

 

  La Brianza e le città di Milano e Pavia non sono mai state così vicine al mare di Genova, almeno come opzione di turismo sostenibile. Auspichiamo davvero che questo spunto finale del Cammino di Sant’Agostino dia l’opportunità a molti di concepire, per la prima volta nella propria vita, di poter raggiungere il mar Ligure dalla Lombardia solo con ausilio delle proprie gambe: non è mai troppo tardi.  Buon Cammino!

                                 ---------------------------------------------------------

                           Le venticinque tappe del Fiore della Rosa brianzolo   

 

- C.Agostino brianzolo

 

          

 

          

                                         ---------------------------------------------------------

                               Le tre tappe finali del Gambo della Rosa milanese    

 

- C.Agostino milanese

 

         

 

                                   ------------------------------------------------------------------

                                Le cinque tappe del Gambo della Rosa genovese  

 

- C.Agostino genovese

 

        

                                             ------------------------------------------------------

    

  retour à Italie voies

  home

                                                                       05/04/2013

delhommeb at wanadoo.fr